giovedì 25 maggio 2017

Enea Tonon autore di "Camera 101 - L'osceno è la radice del piacere"

Enea Tonon autore di "Camera 101 - L'osceno è la radice del piacere"


Biografia Autore


Enea Tonon nasce a Pozzuoli il 20-08-1945. Subito la sua famiglia emigra in Francia, dove trascorre l’infanzia a Saint Marie Aux Mines, un piccolo paese alsaziano, e la sua lingua madre sarà il Francese. Impara molto presto a leggere e a sei anni, ruba i libri gialli che il padre nasconde sotto il materasso, per leggerli avidamente di nascosto, e ancora ricorda alcuni titoli: Malaise a Milan, La fournaise infernal, La nuit des espion, les rats du Tamige. Probabilmente quelle letture hanno generato in lui il desiderio di scrivere e, infatti, a quattordici anni termina un primo romanzo giallo, poi un articolo sugli orrori della guerra d’Africa, un saggio su De Sade, e infine un secondo romanzo a diciassette anni. Quest’ultimo romanzo è inviato all’editrice GEI (Grandi edizioni internazionali) di Roma, che chiede un incontro a Roma e decide di pubblicarlo ma, la vita è cosa diversa e dopo aver stracciato tutto, lascia la famiglia a diciotto anni e da allora non ha più voluto scrivere nulla. Lavora nel settore tessile da sempre e negli ultimi venti anni, la sua professione in tecnologia tessile, lo porta a viaggiare di continuo, prima in Italia e poi in altri paesi lontani. Tra un viaggio e l’altro, trascorre circa un anno in India e un altro in Iran, e tra i paesi in cui ha lavorato per tempi più brevi, c'è l’Argentina, il Messico, l’Uruguay, la Russia, la Turchia, la Spagna e altri. “Camera 101 – L’osceno è la radice del piacere –“ è il suo primo libro, cui ne seguiranno altri due.

Il libro: Camera 101


*Lettura per adulti*


Oltre il piacere, si snoda la vera storia dell'amore sadico, che una giovane donna crudele, vive senza regole né scrupoli. Con gelida determinazione, cerca l'estasi dei sensi attraverso la sua lucida brutalità, convinta che il piacere sublime sia quello spietato, in cui il proprio esercizio della cattiveria sia reso del tutto possibile e completamente disponibile. Ritiene che il piacere sia possente, determinato e dilagante, perché scritto nel DNA, mentre l'amore è invece un sentimento debole, che trova le sue origini in ambito culturale. Riconosce la sua essenza intrisa di sadismo, come l'unica possibile per lei e esercitare la crudeltà, il solo modo per raggiungere un godimento sublime. Costruisce una sua etica morale, in cui non c'è posto per la pietà umana e la giustizia, arrogandosi ogni diritto, pur di giustificare e ottenere quel che desidera.


Un affresco inquietante di una storia estrema tra un uomo e una donna, dalla quale non si può distogliere lo sguardo, in questo caso fino all’ultima riga. Una rappresentazione a detta dell’autore fedele ai fatti, percorsa da una passionalità che a poco a poco travolge e conduce il lettore fatalmente nel loro abisso.


martedì 23 maggio 2017

Recensione "La scelta: sogni e paure di una donna" di Rosanna Evangelista

Titolo: La scelta: sogni e paure di una donna
Autore: Rosanna Evangelista
Editore: Kimerik
Pagine: 144
Anno: 2017


Trama


La scelta dipinge un ritratto realistico della vita coniugale di Claudia, aspirante scrittrice, e Sergio, manager affermato. La loro è una vita ordinaria, anche un po' banale, che spinge la protagonista, tradita e trascurata, a cercare la perduta passione e la voglia di vivere altrove, mettendo in crisi ogni cosa e valore per cui ha sempre lottato e in cui ha sempre creduto. Scoprirà il volto della felicità grazie a Norberto, noto architetto, conosciuto in chat. Con lui, Claudia ritroverà le emozioni che ormai non le appartenevano più da tempo, ma non dimenticherà neanche il marito il quale, pentito del suo sbaglio, riscopre poi l'amore per sua moglie. L'introspezione psicologica di Claudia è il punto di forza dell'intera opera. È la sua mente il "luogo" principale della narrazione e sono i suoi pensieri i veri protagonisti. Il suo inconscio sarà infatti disseminato di paure, di mille interrogativi, combattuto tra ciò che è giusto e ciò che non lo è, fino a portarla a una scelta sorprendente e del tutto inaspettata. L'opera offre quindi numerosi spunti di riflessione su tematiche profonde e universali quali la famiglia, il tradimento, la felicità e cosa si è disposti a fare per raggiungerla, il caso e il destino, le scelte e le ripercussioni che esse potrebbero avere sulla vita. Per raccontare tutto questo, l'autrice si serve di uno stile semplice e scorrevole. Con la Prefazione di Renato Minore.

Recensione


Innanzitutto ringrazio la casa editrice Kimerik per avermi dato la possibilità di leggere questo libro perchè quando ne ho letto la trama non ho avuto nessun ombra di dubbio sul fatto che io dovevo leggerlo! I temi trattati sono tutti costantemente presenti nella vita di ogni donna e ognuna di voi riuscirà a rivedersi in qualche modo nella protagonista di questo racconto.


La scelta: sogni e paure di una donna è il romanzo d'esordio della scrittrice isernina (molisana come me tra l'altro :D) Rosanna Evangelista, laureata in Lettere Moderne, specializzata in Filologia Moderna e attualmente docente di italiano e storia.


🌺 🌺 🌺


La storia inizia con Claudia, la nostra protagonista, che sola viaggia su un treno per tornare a casa ricordando tutto ciò che le è accaduto tre anni prima. Claudia è sposata con Sergio un uomo che inizialmente l'aveva riempita di attenzioni, al quale aveva donato tutta la sua vita, fin quando un giorno scoprì di essere stata tradita. Per mesi, distrutta dal dolore, continuò a pensare ai motivi che portano una persona a tradire, ma Claudia, sempre vissuta con i princìpi fondamentali della famiglia, alla fine riuscì a perdonare il marito anche per il bene del loro bambino, Vittorio. Non si era però resa conto che il dolore aveva provocato un vuoto dentro che aveva bisogno di essere colmato e quando iniziò a chattare con uno sconosciuto per gioco non credeva che avrebbe messo in discussione tutta la sua vita e tutte le sue convinzioni.


La scelta è un romanzo che fa riflettere e che ti fa entrare nei pensieri della protagonista in quanto Claudia è pervasa continuamente da paure, angosce e dubbi che occupano buona parte dell'opera. Il suo personaggio è stato senz'altro il mio preferito perchè, come ho detto all'inizio, è molto facile riuscire a diventare un tutt'uno con lei. 
Altro personaggio che ho adorato è stata la sua migliore amica, Emma, che è sempre presente, non la lascia mai sola e cerca di aiutarla in ogni momento; purtroppo non ho mai avuto un'amica così e per questo non so se ciò sia realmente possibile, ma se lo è vi invidio parecchio :D
Ho odiato invece Sergio, ovviamente, perchè io non credo riuscirei mai a perdonare un tradimento anche se spesso la vita ti mette in condizioni di doverlo fare, ma le sue continue assenze, le sue mancanze e "il suo non accorgersi di nulla" mi infastidivano parecchio.

In conclusione, è un libro che vi consiglio di leggere soprattutto per il finale inaspettato che mi ha spiazzato! Inoltre, il tutto si legge molto velocemente, la lettura è scorrevole, grazie anche ai capitoli brevi, e piacevole perchè (cosa che ho apprezzato tantissimo) è scritto in maniera perfetta con descrizioni accurate; si nota da subito che l'autrice è una docente di italiano.